Il Sindaco

Il Sindaco

Biografia del candidato Sindaco Salvatore GRECO

Ho 42 anni, sono sposato con Claudia e sono papà della piccola Costanza.

Vivo da sempre a Santa Venerina.

Ho fatto il liceo artistico con indirizzo “beni culturali".
Mi sono laureato alla facoltà di Architettura di Reggio Calabria: ho conseguito prima la Laurea in Storia e Conservazione dei beni architettonici e ambientali; più tardi la laurea della classe di Architettura e ingegneria edile.

Nel 2003, alla Scuola Superiore per la Formazione di Eccellenza dell’Università di Catania, ho conseguito il Master Universitario di II livello in Economia del recupero e della valorizzazione dei beni culturali.

Sono iscritto all’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Catania e svolgo la libera professione da 17 anni.

Dal 2016 sono membro del Consiglio Regionale dell’Urbanistica su designazione dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

Sono contento di essere cresciuto in un paese: nella serenità della mia famiglia, nell’ambiente sano della scuola e della parrocchia; non è stato una gabbia ma un rifugio che non mi ha impedito di guardare con curiosità anche fuori e fare esperienze nuove.

Qui ho scelto di rimanere a vivere e lavorare.
Nel 2013 mi sono candidato a fare il sindaco convinto del fatto che la politica non è un palcoscenico né una casta, bensì lo strumento per migliorare il posto in cui si vive, per creare occasioni di crescita economica, culturale e morale, per eliminare gli ostacoli a questa crescita.

Ho deciso di ricandidarmi da diversi mesi, in particolare da quando ho visto chiaramente che i veri guai del nostro Comune erano avviati a soluzione; da quando è stato chiaro che saremmo riusciti a chiudere il dissesto togliendoci tutti i debiti.

C’è molto da dire su questi cinque anni: ci sono la difficoltà e la fatica dovuti a una situazione finanziaria catastrofica, ma anche tante conquiste piccole e grandi, tante iniziative e progetti che ogni giorno che passa si concretizzano in risultati. E così sarà ancor di più nei prossimi mesi ed anni.

Siamo risaliti da oltre 7 milioni di debiti e oggi abbiamo oltre 6 milioni di progetti di opere pubbliche ammessi a finanziamento.